Get Adobe Flash player

 

Stefano Boschi, psicologo, psicoterapeuta e ricercatore nel settore della comunicazione in ambito clinico, dal suo costante impegno nella ricerca nasce la Terapia dei Nuclei Profondi, metodo elaborato per rispondere alla crescente richiesta di efficacia che le persone sofferenti per una qualche forma di disagio psicologico rivolgono alla psicoterapia. Assieme al dott. Giorgio Crucitti, medico e ricercatore in medicina funzionale, ha elaborato il Metodo PsicheSoma, che indaga sui legami mente-corpo offrendo una rivoluzionaria visione della malattia somatica.

terapia dei nuclei profondi

Terapia dei Nuclei ProfondiLa Terapia dei Nuclei Profondi, o TNP, nasce da una semplice constatazione: i disturbi psicologici mostrano carattere paradossale. Quando ne soffriamo ci troviamo, infatti, a fare liberamente – cioè senza che nessuno ci costringa – qualcosa che non vogliamo fare, oppure a soffrire di uno stato d'animo che spesso non può essere ritenuto l'effetto diretto delle circostanze esterne – altrimenti non potremmo far altro che cercare di cambiare le cose là fuori – situazioni che mostrano chiaramente carattere paradossale.

Può trattarsi di particolari comportamenti, come ad esempio reagire in modo inadeguato a certe persone o evitare situazioni sociali ansiogene, di un modo di pensare, come nel caso di chi è convinto di essere una nullità o che non ce la farà mai, di una sofferenza che emerge senza che ne possiamo cogliere la provenienza, del trascinarci in una relazione che provoca sofferenza.

In tutti questi casi è come se qualcosa in noi prendesse il sopravvento, imponendo la sua bizzarra quanto incomprensibile volontà sulla nostra e assumendo – per certi versi e in quel particolare ambito della nostra vita – la regia del nostro comportamento.

Ben lungi dal costituire una situazione insolita o ai margini della normalità, ciò caratterizza come una nota di fondo la natura umana. Particolari modi di dire ce lo segnalano, come nel caso di «C'è una parte di me che mi spinge a ...», «In quel momento era come se non fossi più me stesso», «E' stato come se fossi un'altra persona», «Qualcosa dentro di me ha preso il sopravvento» e chi più ne ha più ne metta.

Questa situazione si produce soprattutto con l'emergere di intense quanto spiacevoli emozioni, di cui il caso forse più evidente è la rabbia esplosiva, anche se ci sono altri stati d'animo, come la disperazione, il senso di solitudine, la tristezza, il senso di vuoto, che mostrano questo potere. Si tratta comunque di stati d'animo originatisi nella nostra infanzia, quando eravamo preda di vere e proprie tempeste emozionali.

Le travolgenti passioni che abbiamo provato, ancora bambini, spesso attraversano l’oceano del tempo per animare i nostri incubi e i nostri sogni. Le emozioni sono forme di 'energia psichica' in grado di muovere il nostro comportamento sia interno sia esterno e sappiamo bene che l'energia non si crea né si distrugge. Divenuti adulti cerchiamo di controllarle facendo leva sulla nostra razionalità, come nel caso del cavaliere che conduce il suo cavallo là dove lui vuole andare. Ma per «lui» chi si deve intendere, il cavallo o il cavaliere?

Per sciogliere il paradosso che spesso caratterizza i nostri problemi, in particolare quelli che fanno capo al nostro mondo interno e alle nostre relazioni, è utile fare riferimento all'idea di "parti" della personalità: si tratta dei Nuclei Profondi, in grado di stabilire una vera e propria tirannia delle emozioni. A volte queste parti posseggono una tale carica energetica da assumere il controllo del nostro comportamento anche sul piano somatico, alterando alcune funzioni corporee.

Se le emozioni quali energia della psiche non si possono distruggere, si possono però trasformare. Si tratta dell'obiettivo della Terapia dei Nuclei Profondi: liberare l'energia racchiusa nell'antica sofferenza per trasformarla in risorse attuali a nostra disposizione, al fine di realizzare uno stato di profondo benessere psicofisico e raggiungere ciò che per noi è importante.{jcomments off}

il metodo PsicheSoma

Metodo PsicheSomaIl Metodo PsicheSoma è un modello teorico e di intervento appositamente studiato per favorire l’elaborazione dei processi psicologici, in particolare quelli di natura emotiva e cognitiva, che si suppongono correlati alle malattie somatiche.

Questo metodo si compone di un'ipotesi psicosomatica e di un metodo di intervento tratto dalla Terapia dei Nuclei Profondi

Nell'applicare questo approccio psicoterapeutico si notò che alcuni problemi somatici, che fino a quel momento si erano dimostrati refrattari alle consuete terapie mediche, registravano una remissione spontanea di portata variabile, senza cioè che fossero stati affrontati direttamente come obiettivo della terapia.

Ci si è perciò domandati come ciò potesse accadere e dagli studi che sono seguiti è nato il Metodo PsicheSoma.

Quando si parla di psicosomatica è utile prendere le mosse da alcune considerazioni fondamentali. Primo, il corpo e la psiche sono come le due facce di una stessa medaglia, perciò coesistono e interagiscono inevitabilmente e continuamente.

Secondo, non si può quindi parlare di malattie psicosomatiche semplicemente perché non si può parlare di malattie non-psicosomatiche giacché, in assenza di preponderanti influenze ambientali che si oppongono allo stato di salute, ogni malattia è il risultato di processi sia psichici sia somatici tra loro interagenti.

Terzo, i legami tra corpo e psiche devono, dunque, essere dati per scontati: si tratta solo di identificare il loro modello di azione.

{jcomments off}